Mercato Secondario NPL, le sfide nel corporate unsecured: intervista ad Adiutrice Barretta, Chief Operating Officer e Co-Founder IPI Finance

Secondo l’Osservatorio Nazionale NPE Market di Credit Village nel primo semestre del 2022, nel segmento dei crediti deteriorati  ci sono state operazioni di mercato secondario per un controvalore di 2,5 miliardi a fronte di un totale di 16 miliardi sul mercato primario. Si tratta della conferma di un trend di crescita del secondo mercato già osservato negli anni più recenti e verosimilmente destinato a proseguire.
Secondo altri autorevoli studi di settore, la quota attribuibile a questa componente potrebbe arrivare a crescere fino ad un range compreso tra il 25 e il 30% del totale. A fronte di una prospettiva di questo tipo, diventa fondamentale per gli operatori di credit servicing riuscire a sfruttare appieno tutte le potenzialità di questo canale di recupero.

“Il mercato secondario è per noi da sempre un canale di approvvigionamento ricco di opportunità” ha dichiarato Adiutrice Barretta, Chief Operating Officer e Co-Founder di IPI Finance. “Nell’acquisto di portafogli da investitori qualificati, che a loro volta hanno acquisito i crediti dalle cedenti originarie, il vantaggio competitivo è costituito dalla capacità di estrarre valore più complesse da gestire. IPI FINANCE opera da molti anni come investitore e co-investitore sul secondo mercato, riuscendo a valorizzare con profitto le posizioni che altri operatori, maggiormente interessati alle operazioni ‘mordi-e-fuggi’, non sono in grado di gestire correttamente”.

Se esiste un consenso abbastanza diffuso sulla crescita attesa del mercato secondario, non è così facile individuare quali saranno le tipologie di crediti interessati. «Noi riteniamo he il corporate unsecured o comunque le posizioni più deteriorate siano il segmento più promettente perché, soprattutto con riferimento alle posizioni più granulari, i grandi operatori incumbent non dispongono di processi e competenze adeguate per realizzare una gestione efficiente e profittevole di questa tipologia di posizioni”.

Torna su